La prima ricezione nella teologia cattolica della formula di Karl Barth sul rapporto tra creazione e alleanza

Santiago Sanz Sánchez

Abstract


Partendo da una citazione di Benedetto XVI nel corso di una omelia, ci proponiamo in queste pagine di analizzare la prima ricezione nella teologia cattolica della formula sul rapporto fra creazione e alleanza coniata da Karl Barth nella sua Dogmatica ecclesiale. Dopo una sezione dedicata al teologo di Basilea, vengono passate in rassegna tre importanti opere degli anni cinquanta del secolo scorso, quelle di Hans Urs von Balthasar, Henri Bouillard e Hans Küng. Tutte queste opere coincidono nell’accettare la suddetta formula, con delle precise osservazioni e critiche, che variano a seconda dell’autore, come sintetizziamo nel bilancio conclusivo, in modo che in questo tema si può vedere un frutto della dimensione teologica del dialogo ecumenico, a cinquecento anni dalla riforma.

Benedict XVI referred in a homily to the relation between creation and covenant with the formula created by Karl Barth in his Church Dogmatics. Taking occasion on this, the aim of the present study is to analyze the first reception of that formula in the Catholic theology. We consider here three important works published in the fifties of last century: those of Hans Urs von Balthasar, Henri Bouillard and Hans Küng. All of them accept the formula, with suggestions and criticisms, that vary according to the author, as we summarize in the final balance. Five hundred years after the reformation, we can see in this fact a fruit of the theological aspect of the ecumenical dialog.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.3308/ath.v31i2.210

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Indicizzato da

              

Incoraggiamo i lettori a iscriversi al servizio di notifica di questa rivista. Usa il link Registra in alto alla homepage della rivista. Con questa registrazione il lettore riceverà l'indice per email di ogni nuova uscita della rivista. Vedi la dichiarazione sulla privacy della rivista che assicura il lettori che il loro nome e indirizzo email non sarà usato per altri fini.