Annotazioni sull’ispirazione e la verità biblica. A proposito di un libro di James D.G. Dunn, Parola viva

Michelangelo Tábet

Abstract


Nel libro di J.D.G. Dunn che qui analizziamo si avverte il profondo rispetto dell’autore per il testo biblico e la forte convinzione del suo significato intramontabile. A nostro avviso, tuttavia, qualcosa relativizza la prospettiva del libro di Dunn: sebbene, venga respinto radicalmente il fondamentalismo biblico, l’autore rimane molto lontano da quanto esprimeva già sant’Agostino riguardo alla perenne e crescente attualità delle stesse parole evangeliche quando sono accostate attraverso un’esegesi che le mantenga vive nell’alveo della Tradizione.

 

In the book we analyze, we feel the author’s deep respect for the biblical text as well as his profound conviction of its perennial relevance. However, in our opinion there is something that relativizes the perspective of the author: although he radically rejects biblical fundamentalism, he remains very far from what Saint Augustine expressed regarding the perennial and growing relevance of the evangelicalwords when they are approached through an exegesis that keeps them alive in the bed of Tradition.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.3308/ath.v33i1.361

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Indicizzato da

                 

Incoraggiamo i lettori a iscriversi al servizio di notifica di questa rivista. Usa il link Registra in alto alla homepage della rivista. Con questa registrazione il lettore riceverà l'indice per email di ogni nuova uscita della rivista. Vedi la dichiarazione sulla privacy della rivista che assicura il lettori che il loro nome e indirizzo email non sarà usato per altri fini.